Il 2018 di Blog Thrower – la versione entusiasta di [F]

Questa non è una lista dei migliori album del 2018 perché credo che questo lavoretto, tanto morbosamente amato da chi scrive di musica, sia alquanto ingannevole. Meglio chiamare le cose col loro nome: i dischi che mi sono piaciuti di più. Punto. È opportuno inoltre sottolineare che se per qualcuno l’ascolto del metal è stato superficiale, molto probabilmente il “disco dell’annooooo!!!!!” sarà già quello dei Behemoth o dei Judas Priest. Ma va bene così. Questo per dirvi che non voglio darvi solo i nomi caldi, ma anche e soprattutto quelli che mi hanno accompagnato con grande profitto durante i dodici mesi appena trascorsi. Altrimenti la mia lista sarebbe piena di Aborted, Obliteration, Hate Eternal , ma anche Arkhtinn. Funeral Mist, Imperial Triumphant, Sargeist, Ungfell, Kriegsmachine, Ævangelist e Svartidauði. In sostanza: a che serve una carrellata di nomi che già sapete essere imperdibili (perché lo sono, c’è poco da fare), e che avete sicuramente letto già altrove? E poi, sapete, a me non piace fare classifiche.

Continua a leggere…

Intervista ai Necandi Homines (Italia)

Provate a far partire un pezzo dei Necandi Homines, se non lo avete mai fatto. Altrimenti ripensate al momento in cui vi siete imbattuti in loro. Oltre a un comprensibile senso di angoscia e negatività (ben fatto, ragazzi!), ho pensato sin da subito di aver scoperto una miniera, un gruppo molto particolare e al di fuori dalle logiche ordinarie del metal. Li ringrazio per le parole che leggerete a breve, per aver soddisfatto pienamente la mia assetata curiosità. [F]

Continua a leggere…

Intervista a Marco Valenti (Toten Schwan Records, Tritacarne)

Toten Schwan logo 1

La faccenda è seria. Toten Schwan Records, da qualche anno una delle migliori etichette italiane libere, sempre al di fuori di logiche commerciali e di corporazione che spesso fanno capolino nel nostro ridente ambiente alternativo/rock/metal, mi ha concesso un’intervistona della madonna. Non aggiungo altro perché sono incredibilmente esaltato e onorato di questa preziosissima testimonianza di Marco Valenti: la mente, il corpo e l’anima di Toten Schwan. Prendetevi qualche minuto perché ne vale assolutamente la pena. [F]

Continua a leggere…

Intervista ai Formalist (doom, sludge, noise – Italia)

Formalist

Ragazzi, mi sono buttato. Ho ascoltato No One Will Shine Anymore e mi ci sono tuffato dentro, di pancia. Come non rimanere sfigurati dopo un disco del genere? I Formalist sono esordienti solo sulla carta perché in formazione hanno gente del calibro di Ferdinando dei Forgotten Tomb alla voce, Michele dei Viscera/// alla chitarra (il loro ultimo disco è tra le cose più belle uscite dall’Italia più estrema), Nicola e Riccardo dei Malasangre (rispettivamente basso e batteria). Li ringrazio per aver arricchito questo umile blog delle loro parole. [F]

Continua a leggere…