Il 2018 di Blog Thrower – la versione entusiasta di [F]

Questa non è una lista dei migliori album del 2018 perché credo che questo lavoretto, tanto morbosamente amato da chi scrive di musica, sia alquanto ingannevole. Meglio chiamare le cose col loro nome: i dischi che mi sono piaciuti di più. Punto. È opportuno inoltre sottolineare che se per qualcuno l’ascolto del metal è stato superficiale, molto probabilmente il “disco dell’annooooo!!!!!” sarà già quello dei Behemoth o dei Judas Priest. Ma va bene così. Questo per dirvi che non voglio darvi solo i nomi caldi, ma anche e soprattutto quelli che mi hanno accompagnato con grande profitto durante i dodici mesi appena trascorsi. Altrimenti la mia lista sarebbe piena di Aborted, Obliteration, Hate Eternal , ma anche Arkhtinn. Funeral Mist, Imperial Triumphant, Sargeist, Ungfell, Kriegsmachine, Ævangelist e Svartidauði. In sostanza: a che serve una carrellata di nomi che già sapete essere imperdibili (perché lo sono, c’è poco da fare), e che avete sicuramente letto già altrove? E poi, sapete, a me non piace fare classifiche.

Continua a leggere…

L’apocalisse alla fine del primo tempo: Grandiose Malice, Thy Feeble Saviour, Morbosidad

giphy

Volevo qualcosa ad effetto per la chiusura di questo primo periodo del blog. Un pugno pazzesco di Paul di Tekken 3 con k.o. al primo colpo, un bolide del Polpo dalla distanza o semplicemente una collezione di dischi da farvi venire le lacrime. Alla fine gli australiani sono andati per i fatti loro (che malati!), i Rites Of Thy Degringolade hanno deciso di diventare intellettuali e mi sono rimasti tre gruppi. Ognuno è a suo modo simbolo del metal che qui su Blog Thrower ho passato durante questi mesi.

Continua a leggere…