Aspettando la terza edizione del N.W.O.I.B.M.: 100% italian, estremamente black, poco new

41092906_969630079883347_4120706496977698816_n

C’è del buono dietro l’idea di aggregare i gruppi black italiani sotto un’unica bandiera. È quanto si sono proposti Gabriele e Ferdinando con N.W.O.I.B.M. Il primo è stato il gestore del fu Daevacian, locale in provincia di Torino, ed è attualmente membro degli Schwarz Pest, con una demo all’attivo. L’altro è il cantante dei Grimace Gall, che fino ad ora hanno registrato un solo brano. N.W.O.I.B.M. (inutile esplicitarvi il significato) è in primo luogo un gruppo Facebook in cui, quando sono entrato, si postava solo black metal italiano, poi nonostante la buona volontà ho iniziato a vedere diverso spam senza interazione e ho deciso di uscirne. Ma io sono un rompipalle, se volete scoprire una miriade di gruppi locali, non dovete fare altro che scorrere la bacheca di quel posto virtuale. Annualmente N.W.O.I.B.M. organizza un festival, che è l’occasione per cui ne sto scrivendo.

Continua a leggere…

Intervista ai Gort (black metal, Italia)

01 Logo White

Come oramai ben sapete, adoro i gruppi che dicono le cose come stanno. Ovviamente per loro. Adoro che i peli siano ovunque ma non sulla lingua. Nel black metal italiano questo non è scontato e trovare gente con cui discutere. Non blaterare o celebrare senza motivo: è pur sempre un confronto motivato. I Gort hanno pubblicato da pochi mesi un nuovo disco, ne ho parlato qui e mi erano venute in mente diverse domandine di cui bramavo risposte. [F]

Continua a leggere…

Le dimensioni non contano # 2: Anguis Dei, Vhorthax, Malakhim, Obscene, Gort

Uomini-le-dimensioni-non-contano

Anno nuovo, dischetti nuovi. Ne escono tanti, me ne vengono segnalati tanti, ed è difficile scegliere quali fanno al caso mio, al caso nostro. Tanto prima o poi diventerà questo il formato del futuro: lavori di uno o due pezzi, pubblicati digitalmente e poi fisicamente in edizione molto limitata (per noi feticisti). Nessuno compra più un cd di dieci canzoni, figuriamoci uno molto meno capiente. Non c’è più quel significato dietro l’oggetto cd/cassetta, il vinile poi è un caso a parte perché costa di più produrlo, non so se di molto o di poco rispetto agli altri mezzi. La soddisfazione credo però sia di molto maggiore. Vabbè, elucubrazioni a parte, andiamo per la nostra strada. Comprate, comprate, comprate.

Continua a leggere…