I sette dischi black metal più sottovalutati dell’inverno 2017: Sortilegia, Ignis Haereticum, Grafvitnir, Sar Isatum, Deathcult, Perdition Winds, Eternal Helcaraxe

Arrivano stimoli e impulsi da ogni parte del mondo. Tutti diretti a questo blog. Se non facessi altro nella vita (sai che palle…) pubblicherei tre post al giorno, sorrisoni e pacche sulle spalle. Umanamente però è impossibile far uscire qualche riga sulle uscite rispettando le scadenze. In questo spazietto ho raccolto alcuni spunti sui miei personali sette peccati capitali, ossia quei dischi che hanno trovato poca eco mediatica, soprattutto a livello italiano, che probabilmente vi sono passati davanti senza che ve ne siate accorti. Stava capitando anche a me, che ho tempeste di mail promozionali. In modo fine direi che è un’ideale di giustizia quello che mi guida. Volendo parlare come mangio, terra terra, è un modo per recuperare uscite minori solo sulla carta.

Continua a leggere…

Spectral Voice – Eroded Corridors Of Unbeing (Dark Descent Records), 2017

a2390782312_16

Sicuramente avete idea di cosa è stato Starspawn lo scorso anno. I Blood Incantation avevano trovato la via del paradiso (o dell’inferno, se volete) con un album a dir poco immenso. Non avendo dati di vendita, per far capire la notorietà del fenomeno vi scrivo qualche dato: oltre centomila ascolti su Youtube. A queste si aggiungono le oltre trentamila dell’EP Interdimensional Extinction.

Continua a leggere…