Intervista agli abominevoli Morbus Grave

Chi ben comincia è a metà dell’opera? Ok, se così è, sto già con un piede nella fossa. Chi ha scavato? Ma ovviamente i Morbus Grave! Ho sofferto un sacco per non aver potuto assistere alla loro discesa lungo la Penisola lo scorso novembre assieme ai Sepolcro, ma spero di poter fornire un giusto indennizzo lasciandovi una bella chiacchierata con Erman, il loro cantante, un soggettone squisito che sprizza death metal da tutti i pori. [F]

Continua a leggere…

Back to life #2: Total Inferno, Manipulation, Rotting Sky, Enoid, Denial

04447FAD000003E8-4113672-image-a-17_1484234327932

Sono partito lanciatissimo nella prima puntata di resoconto delle mie periodiche riesumazioni. Oddio, mie… diciamo che sono le mie preferite di quelle che mi capitano sottomano. Ad esempio vi consiglio subito la ristampa di uno dei migliori dischi death metal usciti fuori dalla nostra nazione, Inside the Unreal degli Electrocution. A dicembre Dark Symphonies l’ha rimesso in giro con un secondo cd contenente le tre demo precedenti e il promo Water Mirror del 1994. Vedete mi vengono così: scruto, annoto, riporto. Questo dovrebbe essere un bestseller assoluto per i miei gusti, anzi dovreste già averlo in almeno una versione precedente se vi piace quello di cui vi scrivo. Vero? Eh? Vabbè, addentriamoci nella moltitudine brulicante che ci sta chiamando.

Continua a leggere…

Doomortalis – Splendor​.​.​. Then Gloominess (Chaos Records, 2017)

a2183727482_16

La vita è fatta di incontri, di alchimie apparentemente casuali che in realtà non sono nient’altro che parte di un disegno più grande di noi. Il destino ha voluto che membri di un paio di vecchi gruppi messicani, i non rilevanti A Perpetual Dying Mirror e i ben più consistenti Necroccultus, con un solo full length in carriera ciascuno, unissero la loro conoscenza -rispettivamente- del doom e del death metal per creare una nuova entità.

Continua a leggere…

Rogga Johansson, un uomo chiamato death metal: dai Paganizer alla conquista del mondo

RoggaJohansson_photo01

Rogga Johansson. Un nome, un manifesto, un’istituzione. Siamo nel 2018 ed è difficile non essere passati almeno una volta nella vita su un suo disco, ma poniamo che fino ad oggi abbiate ascoltato solo rap albanese. Il signore che vi ho nominato è una delle più coriacee e irriducibili incarnazioni del death metal. Ne produce in continuazione, a ritmi non coerenti con nessun’altra prospettiva di vita: quindi si desume che lui È il death metal. Avevo tentato di intervistarlo qualche anno fa, ha voluto le domande e non ho mai ricevuto risposta. Penso mi avesse bloccato, a un certo punto. Ma lo capisco, so essere molto rompicoglioni quando voglio. E so anche dimenticare questi episodi. Finché la musica vale, il resto non conta.

Continua a leggere…