Begerith – A.D.A.M. (Minotauro Records) 2017

a1985599996_16

E lo so. Vi capisco. Trovare una recensione con su scritto Begerith è come trovarne una degli Iron Mailen, degli Slajer o dei Matellica. Oppure nella vita reale trovare un cellulare per terra e scoprire che la marca iPone. Volevate i Beherit? No, questi qui sono polacchi di origine russa. E se dovessi paragonarli a uno smartphone non sarebbe una cinesata, ma qualcosa di più affidabile. Un Alcatel o un Motorola, ecco.

Molto di nicchia eh, anche se i numeri di visualizzazioni su Youtube dicono altro. C’è poco da dire se non: Behemoth. Stessa provenienza, stesso autore di copertina, un sound molto simile. La congettura finale è da Oscar del complotto: A.D.A.M. (ovviamente senza i puntini) è anche il nome reale di Nergal. Se l’originalità è quella che è, mi sono stupito positivamente a constatare che è uscito per Minotauro Records, mi ricordavo pubblicasse roba molto più classica. E basta. Cioè è impossibile non provare senso di familiarità (nelle parti migliori) o di fastidio per la genericità di certe soluzioni (in quelle peggiori), per cui dopo anche un solo ascolto se ne ha abbastanza, a sfumare in quelli successivi. Questo secondo disco dei Begerith (il primo lo ignoro totalmente) sarà anche più croccante, autentico e verace di The Satanist, io stesso l’ho ascoltato di più e con maggior piacere, ma lo spettro del tempo è dietro l’angolo. Non c’è una canzone che emerge sulle altre, potrei dire solo che la prima metà del disco è più forte, ma forse è solo perché le prime canzoni arrivano ad orecchie più attente, mentre quelle successive sono un semplice ribaltamento e un mescolamento dei loro tratti distintivi: batteria potentissima, riff sinuosi che si infilano ovunque, vociona imperiale. A.D.A.M. ha tutte le carte in regola per sferrare il colpo letale, ma non lo fa. Manca il marchio dell’anima, per ora i Begerith sono stati più impegnati a suonare cercando di fare i discepoli troppo diligenti. E sappiamo tutti che se tutti fossero stati con la testa bassa e senza un briciolo di intraprendenza non sarebbe stato il rock e tutto quello che ne segue.
[F]

Un pensiero su “Begerith – A.D.A.M. (Minotauro Records) 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...