Krowos – Verbum Luciferi (Nigredo Records), 2017

630127

Ecco, sta iniziando la catena di collegamenti. È uno dei piccoli motivi di soddisfazione della gestione di un blog. Trovare un gruppo, che poi ne fa arrivare un altro e così via. Vi avevo raccontato come i Lilyum hanno ancora molte frecce al proprio arco? Bene, il loro batterista Frozen ha posto alla mia attenzione il nuovo album dei suoi Krowos, in cui -oltre a percuotere pelli e piatti- è anche compositore dei brani.

Non nascondo mai la mia ignoranza: non conoscevo tale gruppo, che pure aveva pubblicato diversi split e un altro disco lungo nel 2013. Piuttosto avevo gradito un altro suo lavoro, ossia Ars Hermetica degli Arcanum Inferi, e guardo tutt’oggi con attenzione ai Malauriu, in cui è entrato di recente, ma il cui brano nuovo disponibile in rete non mi ha dato le stesse emozioni di Presagi di Morte. Un altro motivo di interesse è la presenza di un cantante dallo scream molto alto e penetrante come Tsade dei Guru Of Darkness, i quali purtroppo latitano dal gran bel Mater Meretrix del 2009. Il titolo Verbum Luciferi mi aveva fatto temere una capronata stile Kurgaall (lì era Summi Verbi Lucifer, è vero) proprio perché non sapevo ancora come i Nostri si sarebbero mossi… ossia molto diversamente da quanto mi aspettavo viste le esperienze pregresse e concomitanti. Tsade oggi ha una voce leggermente più moderata e atmosferica, appropriata e intonata all’occasione, ma è da pelle d’oca l’effetto straniante che fa accanto ai cori da monaco tornato in vita dopo anni sotto terra. Può ricordare alla lontana quanto fatto anni fa dagli Isengard, a causa di questa vocalità che spesso segue una metrica cantilenante, oppure anche qualcosa dei primi dischi di Burzum, ma in un contesto diverso dalla foresta e dal folklore nordico, ben più ritualistico, spoglio, teso e elaborato. I titoli dei brani possono provarlo facilmente. Anche se si tratta di black metal, le melodie create dalle chitarre sono di un fascino non comune e sono ben valorizzate da ritmiche di batteria che prediligono tempi blandi e in questi trovano compiuta realizzazione. Non dico mica di lasciare le mitragliate a Mors Spei, Gort, Arcanum Inferi e altri spiriti affini perché qui dentro ci stanno comunque bene senza abusarne, e infatti Vangelo -per quanto intensa- è un po’ pesante da digerire rispetto alle altre cinque tessere di questo oscuro mosaico. Non fate come me che li ho scoperti solo ora, arraffate Verbum Luciferi e correte liberi verso la perdizione. Come facevate da piccoli, quando vi sentivate dei draghi dopo aver rubato il foglietto della messa a vostra nonna e avergli dato fuoco.
[F]

Un pensiero su “Krowos – Verbum Luciferi (Nigredo Records), 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...